Nolan N64, una recensione al femminile

lenzi avatar   di Arianna Lenzi

_DSC6398_DSC6411Il casco Nolan N64, che io possiedo nella versione “Glamour Metal White”, è stato il primo acquisto fatto quando al mio orizzonte si era prospettata l’idea di comprare una moto: sono andata alla ricerca di un prodotto la cui qualità fosse certificata, che mi permettesse di muovermi in sicurezza, ma senza dimenticare un occhio di riguardo nei confronti del portafoglio e, perché no, dell’estetica.

L’N64, in questo, ha decisamente fatto al caso mio: Il Lexan® EXL, materiale con cui la calotta è stampata ad iniezione, risulta avere proprietà di resistenza meccanica superiori rispetto al’ABS, il polimero solitamente usato per lo stampaggio di molti altri caschi presenti sul mercato, assicurando un maggior livello di sicurezza e facendo dell’ N64 un casco adatto a qualsiasi situazione d’uso.

Ed è davvero così: confortevole sia durante percorsi più lunghi che per un uso più cittadino, il casco integrale messo in vendita da Nolan nel 2013 rappresenta la soluzione ideale quando si cerca un prodotto versatile, pratico e a buon mercato, senza rimetterci in sicurezza.

_DSC6407Per la mia testa risulta estremamente comodo, non preme sulla fronte  ma appoggia bene sulle guance e sui lati del viso: è piacevole da indossare anche a lungo, e non mi costringe a toglierlo, per la disperazione, ad ogni sosta.

La calzata è leggermente più stretta della media, rispetto ad altri caschi provati è stato necessario acquistare una taglia in più; senza che per questo venisse compromessa la “stabilità” dello stesso nemmeno dopo un certo periodo di utilizzo ed il relativo cedimento fisiologico delle imbottiture.

Questo casco, insomma, è un acquisto che rifarei su due piedi: per prezzo (assolutamente competitivo, si trova in commercio a cifre intorno ai 140€), aspetto estetico e soprattutto comfort. Unico “neo” rilevato, a velocità sostenute si vengono a creare delle piccole turbolenze nella zona delle orecchie, ma questo è un problema imputabile alla combinazione di un tale numero di fattori (altezza del pilota, altezza del cupolino, posizione in sella), che lo riferiamo solo per amor di completezza ma non è da ritenersi un difetto “in assoluto”

_DSC6435Lo spazio per i padiglioni auricolari, all’interno, è notevole, e credo possa risultare molto comodo anche per chi ha delle orecchie più grandi delle mie: sicuramente però, questo spazio così ampio può contribuire alla formazione dei vortici di cui sopra.

_DSC6413Buoni i sistemi di ventilazione – due le prese d’aria sopra la calotta e una sulla mentoniera -, che fanno in modo che la visiera non si appanni troppo facilmente: dovesse accadere è comunque disponibile, come optional, il visierino interno Pinlock.

All’interno della confezione è contenuto anche il “Wind protector”, la lunetta da posizionare sotto al mento per frenare l’aria e non far entrare il freddo: uno strumento molto utile, soprattutto durante i mesi più freddi. Io purtroppo non l’ho ricevuto – errore, probabilmente, del negozio dove l’ho acquistato – e nel periodo più freddo ne sento un po’ la mancanza. L’N64 è dotato di un sistema di chiusura “Microlock”, molto rapido e intuitivo.

_DSC6424Assolutamente degni di nota per un casco di questa fascia di prezzo, sono gli interni “clima comfort” completamente rimuovibili, lavabili e facilissimi da smontare e rimontare: basta un po’ di sapone di Marsiglia e una spazzola e guanciali e cuffia tornano perfettamente puliti e profumati, anche dopo ore e ore di utilizzo sotto il sole.

Commenti chiusi