Ferrino Svalbard 2 T9-4000: quasi perfetta

Dopo questo articolo ho ricevuto diverse richieste di consigli e pareri su questa o su quella tenda, siccome mi piace dare informazioni solo sulle cose che conosco, ho deciso di chiedere a Ferrino la possibilità di testare la versione attuale di un modello di cui possiedo e uso con soddisfazione la versione “light” da oltre vent’anni.

99043_3La tenda in questione è la Svalbard 2 T9-4000, modello di fascia alta destinato ad un uso 4 stagioni, anche alpinistico.
Non è una tenda economica anche se, paragonata alle concorrenti di pari fascia di altre aziende, il prezzo è assolutamente competitivo; per molti spendere 300 euro per una tenda può sembrare una cosa folle ma, come spiegato nell’altro articolo, dipende sempre da che necessità uno ha, e la qualità (in questo caso altissima) si paga.

Due parole veloci sulla costruzione, al solito per le caratteristiche esatte guardate il sito Ferrino: la tenda è ovviamente una doppio telo a igloo, due archi più uno spezzone a sostenere gli absidi davanti alle due entrate; la paleria è in alluminio easton e viene infilata in tasche esterne, questo permette di avere il telo esterno e la camera precollegati: cosa estremamente comoda quando si monta la tenda sotto la pioggia ma che rende un po’ più macchinoso ripiegarla e metterla via. Vantaggio aggiuntivo è il fatto che, in certe condizioni (estate, uscite brevi, necessità di ingombro minimo) è possibile portarsi il solo telo esterno e la paleria, dimezzando quasi peso ed ingombro.
Come già scritto le aperture sono due, entrambe munite di zanzariera, l’aerazione è inoltre garantita da 4 prese d’aria sulla parte superiore del telo esterno, tutte richiudibili, alle prese d’aria si somma la possibilità di arrotolare e legare la falda a terra tenendola sollevata. Questo fa si che, nonostante ci troviamo per le mani un prodotto destinato ad usi estremi, l’aerazione sia ottima anche in estate.

maniva marzo2Il primo contatto con la tenda in questione è avvenuto in condizioni “un tantino” impegnative, chi mi conosce sa che sono malato di campeggio invernale, quindi quale occasione migliore se non il test di una tenda, per andare a farsi una notte in cima a passo Maniva in pieno inverno?

Partiamo quindi dal montaggio, ben illustrato nel video della stessa Ferrino.

Io mi limiterò ad aggiungere qualche considerazione personale, le tasche per i pali sono a lunghezza piena e non “interrotte” come capita su altre tende, questo se un lato contribuisce ad irrobustire la struttura e distribuire perfettamente la tensione sul telo, dall’altro richiede un po’ di pazienza per infilare i pali che, ogni tanto, tendono a puntarsi, nulla di grave ma è giusto riferirlo, attenzione anche ad infilarli nel verso giusto, pena doverli togliere e girare.

Come già scritto sopra, il telo esterno portante è estremamente comodo quando il tempo è brutto, così da avere la possibilità di montare al volo la copertura impermeabile, sbatterci dentro il bagaglio e terminare il montaggio della camera all’asciutto.
E’ anche possibile riporre telo e camera già assemblati ma a me non piace particolarmente, diventa un po’ difficoltoso arrotolare bene la tenda quando la si ripone (è una mia fissazione, la tenda piegata deve occupare il minimo spazio possibile ed essere ordinatissima).

Comunque, ho fatto la mia bella piazzola nella neve, ho montato la mia bella Svalbard, ho gonfiato il materassino, srotolato il mio fantastico saccopeloso invernale (su cui prossimamente farò una recensione, magari quando si avvicina la stagione invernale) e, dopo aver cenato, mi sono imbustato.

Ora, bisogna sapere che la ventilazione di una tenda non è importante solo in estate ma anche, e forse maggiormente, quando le temperature sono estremamente basse: è infatti in queste condizioni che dev’essere ASSOLUTAMENTE evitata la formazione di condensa, pena lo svegliarsi la mattina con incrostazioni di ghiaccio all’interno della tenda e sul sacco a pelo.
Nota molto positiva: nella Svalbard questo fenomeno non si è assolutamente verificato, sono vent’anni che vado in tenda in inverno e, forse per la prima volta, nonostante una temperatura notturna intorno ai -20°, la mattina il telo interno era perfettamente asciutto, segno che le aperture di ventilazione superiori fanno egregiamente il loro dovere lasciando sfogare verso l’alto l’umidità prodotta dal corpo e dalla respirazione.maniva marzo1

A livello di spazi interni, siamo di fronte a una due posti “comodi”, la larghezza della camera, pari a 140cm, si avvicina quasi a quella di certi modelli dichiarati come 3 posti. Nell’uso a solo lo spazio è grandioso anche quando ci si porta dietro attrezzatura invernale, e anche nell’uso a due, si riesce senza grandi sacrifici a riporre su un lato l’abbigliamento da moto ed i caschi. Ci sono comunque due absidi sufficientemente spaziosi da depositare le borse laterali rigide e gli stivali.

svalbard lite

Svalbard 3 Lite

La tenuta al vento, su questo modello, non l’ho potuta testare, ma possiedo da oltre vent’anni il modello Light 3 posti della stessa tenda ed ha sopportato senza nessun problema bufere in alta montagna con raffiche fino oltre 80Km/h, ovviamente picchettata e tirantata in maniera perfetta. Questa è più bassa, più rigida ed ancora più robusta, quindi non ho nessun motivo di dubitare che possa essere meno resistente.

In conclusione ci troviamo di fronte ad un prodotto non economico ma dagli altissimi contenuti tecnici, una VERA 4 stagioni utilizzabile in qualsiasi condizione atmosferica e di temperatura e che vale ogni euro del suo prezzo.

Quindi perchè nel titolo ho scritto “QUASI” perfetta?
danni2Perchè adesso è piena di buchi, il vostro tester preferito è un emerito coglione e, durante l’ultima uscita in moto ha legato male il bagaglio, la borsa laterale si è spostata, ha schiacciato il fianchetto contro il collettore, e così si sono fusi il fianchetto, la borsa laterale, e la tenda, che ha fatto una fine ingloriosa.
Però c’è da dire che il tessuto è effettivamente ignifugo come dicono, i fori sono limitati ai punti di contatto col collettore, un altro tipo di nylon probabilmente avrebbe preso fuoco (L’ho visto succedere perfino a delle borse laterali).

danni1Dove la trovate la recensione di una tenda in cui si testa anche la resistenza al fuoco?

 

 

 

7 commenti

  1. Pingback:Ferrino Svalbard 2 T9-4000. La prova |

  2. Ciao! Grazie della recensione. Io ho la versione tre posti e devo dire che non sono soddisfatissimo. In particolare secondo me è un problema che il telo esterno sia collegato alla camera interna tramite le olivette fisse. Questo comporta, nonostante i quattro nastri regolatori, che si crei una tensione troppo elevata nel collegamento tra tetto e camera interna a metà paleria e solo da un lato. Ho provato differenti regolazioni ma non sono riuscito ad eliminare del tutto il problema. Il rischio è uno strappo delle cuciture.
    Forse sono solamente io a non riuscire a risolvere questo problema, magari se qualcuno può darmi qualche consiglio vi sarei molto grato.

    Daniel

    • Ciao Daniel, non capisco cosa intendi per “olivette fisse”, la camera ed il telo esterno si possono staccare su tutti i modelli, quando monto la tenda io procedo così:
      Monto il telo esterno, tensiono i nastri di regolazione in modo da avere una curvatura ed una tensione uniformi, e solo dopo installo la camera. Non ho mai riscontrato il problema di cui parli tu, prova a sentire l’assistenza Ferrino, rispondono SEMPRE ed in tempi brevissimi.

  3. Grazie a questa recezione molto convincente mi sono definitivamente convinto di comprare la Svalbard 2 T9 4000. Purtroppo la due posti non è più in commercio e ho fatto molta fatica a trovarne una nuova. Non capisco per quale ragione la Ferrino l’abbia ritirata, spero non per qualche problema a me ancora sconosciuto.

    L’ho presa per un viaggio estivo (giugno) in Islanda. Quello che più mi preoccupava in effetti era la resistenza al vento. Ho visto dei video in cui diverse tende venivano drammaticamente distrutte dai venti islandesi. Sulla carta, e in base alle esperienze di altri, la Svalbard 2 dovrebbe resistere a qualsiasi agente atmosferico estremo. È così?
    Me lo auguro!

    Ora vorrei sapere da chi ne sa più di me quale è il modo migliore di montare la tenda, da soli, e in condizioni di vento forte. Sicuramente senza la tenda interna pre-collegata, perché aggiunge solo peso inutile. Ho però qualche difficoltà, una volta infilata la paleria, a tirare su la tenda.
    Inoltre, una volta fatta la cupola, mi è difficile infilare il paletto corto che sostiene le due absidi, mi sembra ogni volta di rischiare di bucare la guaina che lo contiene, vista la sua estrema curvatura in cima alla cupola.

    Sempre in caso di vento forte, è giusto montare la tenda ben tesa?
    E se la si monta tesa con la temperatura bassa, non si rischia qualche danno quando eventualmente sale la temperatura al sole?

    Grazie !!

    PS: per ciò che concerne le risposte in “tempi brevissimi” di Ferrino bisogna accordarsi su ciò che si intende per “brevissimo”. Ho chiesto più di due settimane fa delle informazione sulla Pumori ma non ho ancora avuto alcun cenno di risposta. 🙂

    • Riguardo al montaggio della tenda, è sempre meglio che sia il più tesa possibile, in modo che la struttura resti più rigida ed offra una migliore resistenza al vento. In caso di vento forte io mi trovo bene picchettando prima i quattro angoli del sovratelo (o della camera, se si tratta di una tenda nella quale viene montata per prima) e poi infilando i pali, altrimenti hai il rischio che voli via tutto, e in alcune situazioni può essere addirittura pericoloso.
      Lo spezzone d’arco superiore è dimensionato in modo da entrare senza provocare danni, quindi tira pure senza paura.
      Infine, i problemi dati dalla dilatazione del tessuto si rimediano con il sistema di regolazione presente alla base dei pali, se la tenda risulta troppo tesa, basta allentare un po’ le cinghiette. Mi raccomando, abbi l’avvertenza di montare la tenda SEMPRE con le porte chiuse.

      Riguardo la velocità di risposta di Ferrino non saprei che dire, io non sono un loro collaboratore. So solo che ogni volta che ho avuto bisogno di informazioni, anche da semplice cliente prima di scrivere recensioni, ho sempre avuto risposte in un tempo massimo di 48 ore.

  4. Ciao complimenti intanto per articolo ,volevo chiederti una cortesia l’interno della tenda ,nei quattro angoli dove c’è il moschettone se li aggancio tutti 4 la tenda diventa troppo alta e tocca l’interno l’esterno.
    Ti ringrazio io ho la svalbaro 2 t9 4000 usata in moto anche quest’anno viaggio in Marocco ottima

    • Ciao, scusa il ritardo nella risposta, ho avuto qualche penitenza di connessione ☺️
      Non riesco a capire cosa intendi, i 4 ganci all’interno della camera servono per appendere la rete porta oggetti, come fa a diventare più alta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *